News


08 Giugno 2020

Tra voglia di sicurezza "si" e certezze "no".

Si salvi chi può...
Tra voglia di sicurezza "si" e certezze "no".

Quando la salute pubblica è dipendente dalla politica: "Povera salute pubblica!" Come si può conciliare la produttività con la sicurezza? L’una contrasta l’altra, in quanto viaggiano su binari diversi. A tre mesi dal calvario "Coronavirus" poco è stato fatto per la tutela alla salute di "tutti" i cittadini. L’unico linguaggio comune rivolto al popolo da parte degli addetti ai lavori le martellanti raccomandazioni: lavarsi spesso le mani, indossare la mascherina, (ad oggi in diverse regioni, introvabili), mantenere la distanza di sicurezza. Quanti di voi facendo ciò riescono a sentirsi veramente al sicuro dal contagio? Io, no! Ad oggi non sappiamo ancora quanti sono gli effettivi guariti sull’intero territorio italiano; quanti siano positivi, quanti i cosiddetti immuni, in altri termini quanto effettivamente circola il "virus" nella nostra Penisola. L’indagine "tampone per tutti" tanto necessaria a tracciare una parvenza di verità, non è stata a tutt’oggi attuata da chi di competenza. Ascoltiamo i proclami del Governo, delle Regioni, dei Sindaci dei Comuni e nessuno parla la stessa lingua, da nessuno la risoluzione per la tanta agognata prevenzione, quello scudo che ti tutela e ti protegge dall’invisibile virus. Uno sprazzo di saggezza, operatività concreta, di un fare più che che di un dire, proviene dalle poche regioni virtuose quali: il Veneto di Zaia, L’Emilia Romagna di Bonaccini, la Liguria di Toti e la Campania di De Luca, regioni nelle quali si respira l’aria di un impegno per la tutela del popolo che, oltre ad obbedire ha bisogno di uomini saggi, concreti, giudiziosi, in altri termini quelli che governano con il cuore in mano! Per gli ospedali del Sud? Poco si è fatto, eppure il tempo c’è stato, tre mesi di esperienza non utilizzati. Pensare che è da tempo che "gli esperti" affermano che il prossimo autunno sarà ancora caldo, a riscaldarlo ci penserà un nuovo assalto del Covid-19. L’ospedale più vicino alla mia persona che dovrebbe tutelare la salute dei cittadini di ben 42 Comuni della Locride, è stato potenziato di 7 infermieri e un nuovo medico! Care Anposdine e Anposdini, noi soci in maggioranza, facendo parte della categoria dei "non produttivi" a differenza dei "produttivi", quei lavoratori che debbono sbarcare il lunario della sopravvivenza, da considerarsi "eroi" che tornano al lavoro nella selva dell’incertezza, sottoposti molto più di noi al pericolo dell’infezione, nuova carne da macello sull’altare della produttività. Per questo io vi esorto a continuare a realizzare "l’indispensabile" il saggio sa, quando si deve mettere da parte per far posto a chi non ha la possibilità di scelta. In riferimento ai nostri Convegni, gli organizzatori sono costretti ad andare con i "piedi di piombo". La selva delle ristrettezze in ogni settore nevralgico per una giusta programmazione dei lavori: recital di poesie, visite guidate, viaggi, partecipazione alla Santa Messa etc... , ci costringono a ricorrere saggiamente al cosiddetto "anno sabbatico" dettato dall’impossibilità di svolgere i due Convegni annuali, "dignitosamente" . Ci consola, la buona notizia che entro la fine di quest’anno, il vaccino contro il Covid-19 potrà essere a disposizione di tutti , consentendoci così di poterci difendere e ritornare ad una vita normale. Con grande dispiacere debbo comunicare la perdita del nostro caro socio, poeta partenopeo, Peppe Esposito, deceduto per Coronavirus, svolgeva il lavoro di Vigile Urbano nella sua città, Napoli. Riguardo ai nostri incontri annuali, noi, continueremo a mantenere i rapporti con le due strutture già contattate che ci permetteranno di svolgere i nostri Convegni: Primaverile nella regione Umbria e Autunnale nella regione Puglia, nel prossimo anno 2021. Il nostro sodalizio saprà attendere tempi migliori, tempi sicuri. Nel frattempo difendiamo la nostra vita! Con la stima di sempre, costantemente vicino a tutti voi, porgo i più cordiali saluti unitamente ai vostri cari.

Mimmo Staltari - Presidente A.N.PO.S.DI.